strict warning: Only variables should be passed by reference in /opt/hoster/vhosts/riccio.sebastian.it/httpdocs/modules/book.module on line 372.
warning: array_merge(): Argument #4 is not an array in /opt/hoster/vhosts/riccio.sebastian.it/httpdocs/modules/htmlarea.module on line 164.
ki | la tana del RiCCiO

ki

In principio era la Notte, l'universo attendeva, paziente, con le sue stelle lucenti, le Signore dei Sogni ,e con il Grande Cancello, che ogni ventotto cicli della Grande Fiamma (da cui proviene il nostro piccolo mondo) si apre al Regno Beato, il compimento della profezia dei Figli, nati dall'amore tra il Signore della Grande Fiamma e la Dama Bianca del Regno Beato.
I Figli a quel tempo erano una moltitudine infinita, ma infinita era la loro ignoranza ed infinita la loro arroganza; solo pochi sarebbero stati coloro che, grazie alla possanza dei loro cuori e delle loro menti, avrebbero riportato con le loro gestaá l'antico splendore dei Figli, quando ancora il Signore della Grande Fiamma governava il suo regno di pace, e i grandi velieri dei Figli solcavano i celi stellati per rendere omaggio alla Dama Bianca.
Questi pochi furono poi chiamati gli Eletti, grande e gentile era il loro spirito, e forte in loro ardeva l'antico fuoco della Grande Fiamma, e splendeva la luce dell'ormai dimenticato Regno Beato; erano figli di un mondo fatto di acciaio e cemento, dimoravano nei giganti poligonali costruiti dai loro padri, e queste imponevano la loro ombra alla luce del Grande Fuoco. Grande era la magia da loro sperimentata e con essa forgiavano i loro pi¨ potenti poteri, studiando la nuova arte magica che a quel tempo veniva chiamata Scienza, impavidi attraversavano l'oscuritÓ cavalcando i loro fedeli draghi tecnologici, forgiando il loro corpo negli antri di musica e luce delle bestie figlie della notte, le Discoteche, temprando il loro spirito nella ricerca della pallida luce delle accoglienti case chiamate Pub, dove ristoravano le loro membra davanti ad un immancabile boccale di birra, traendo godimento dall'ascolto delle melodie diffuse e dilettandosi nell'arte raffinata del Cazzeggiare_Allegramente.
Le loro prodezze furono narrate e trascritte in un libro, l'Agenda, di cui questo manoscritto non Ŕ che l'ombra sbiadita, essendo innumerevoli le avventure compiute, innumerevoli le terre e innumerevoli i viaggi che in quel libro trovano immortalitÓ, in vece di un nome di cui solo tre lettere rimangono a testimoniare il nome che gli Eletti si dettero.
Ma nessuno Ŕ a conoscenza, oltre i pochi che a quel tempo strinsero amicizia con gli Eletti, degli anelli forgiati, i sei Anelli SNT, Ubique, il Fuoco Imperituro; Anyway, delle Regine dei Sogni; Always, Vento del Cielo Iperboreo; Genau, la Saggezza dei quieti Oceani; Imperativamente, la Forza del Grande Guerriero; e Illimitatamente, la Luce del Regno Beato; ornanti il dito dei Sei, Signori degli Anelli SNT......