strict warning: Only variables should be passed by reference in /opt/hoster/vhosts/riccio.sebastian.it/httpdocs/modules/book.module on line 372.
warning: array_merge(): Argument #4 is not an array in /opt/hoster/vhosts/riccio.sebastian.it/httpdocs/modules/htmlarea.module on line 164.
Le sentinelle del cielo | la tana del RiCCiO

Le sentinelle del cielo

copertina edizione italiana

Eric Frank Russell
Le sentinelle del cielo

edizione italiana

1987

titolo originale dell'opera

The Star Watchers - 1951
(later as) Sentinels from Space - 1953

Inizi anni 50, l'età d'oro, un autore spicca tra i tanti, ed insieme ad altri forma i giganti, i nonni, della fs.

"Ho conosciuto Eric Frank Russell nel 1939 a una riunione organizzata da un club di appassionati. A quell'epoca io avevo venduto due racconti, mentre Russell aveva appena pubblicato un romanzo. - Schiavi degli invisibili - , destinato a essere subito annoverato un classico del genere. Ora cerco di ricreare nella mia mente l'immagine di quest'uomo, così come lo vidi nel 1939... lui, autore già celebre, io, autore debuttante. Penso di potermi fidare della mia memoria fotografica. Dunque, era alto circa due metri (da seduto), con un viso molto inglese, lungo e maestoso. Inoltre, questo lo ricordo benissimo, un'aura dorata gli illuminava la testa, spesso si udivano sibilare lampi quando si spostava bruscamente, e si sentivano brontolii di tuono quando parlava."
Questa è una delle tante descrizioni di Russell, niente di particolare, tranne che chi parla all'intervistatore è Isaac Asimov, genio indiscusso della fs.

Il libro è chiaramente fs vecchio stile, un genere da molti sdegnato come di serie B, raccontini un po' stupidi da rivista per ragazzi un po' isolati dalla realtà... (questa è un opinione, e io la rispetto... HAHAHAHAH !... ehmm...); ma come in ogni cozza si può nascondere una perla, anche tra i libri noiosamente vecchio stile si possono trovare dei veri capolavori, e "Le sentinelle del cielo" è un esempio lampante.

In un ipotetico futuro la razza umana ha mosso i suoi primi passi fuori dalla culla chiamata Terra, colonizzando Venere e Marte; come la storia insegna, le ricche colonie, dopo un periodo di assestamento ed espansione, si ribellano alla madrepatria, forti non solo della ricchezza del loro pianeta, ma anche, e sopratutto, dell'enorme quantità di mutanti che il viaggio spaziale e l'adattamento ad un mondo estraneo hanno prodotto.
Le mutazioni, o almeno quelle conosciute, sono state classificate secondo quanto segue:

1. VERI TELEPATICI P+
2. LEVIATANTI P
3. PIROTICI P+
4. MIMETICI I
5. NOTTURNI I
6. MALLEABILI P
7. IPNOTICI P+
8. SUPERSONICI I
9. MICROTECNICI P+
10. RADIOSENSITIVI P
11. INSETTIVOCI P+
12. TELECINETICI P+

I -> innocuo
P -> pericoloso
P+ -> molto pericoloso

L'incrocio tra due razze mutanti differenti si risolve con la predominanza del carattere genetico più forte, non esistono mutanti con poteri "multipli".

Naturalmente anche la Terra ha i suoi mutanti, ma la situazione è estremamente complessa, la coalizione Marte-Venere vuole l'indipendenza, ma il numero schiacciante della popolazione Terrestre su quella delle due coline li scoraggia ad affrontare una guerra aperta, così puntano ad azioni terroristiche e mirate a indebolire il nemico fino al momento propizio, mandando i propri mutanti in missioni circoscritte. La Terra dalla sua parte non può dichiarare guerra a Marte e Venere perché questo equivarrebbe a dichiararle indipendenti, naturalmente non può neanche restare a guardare senza reagire in qualche modo...

Ci troviamo quindi di fronte ad un'interessante partita a scacchi, una guerra tra due gruppi mutanti (i nonni degli X-Man ?), che combinando individui con talenti diversi, tentano di predominare sull'avversario, ma questo è solo l'inizio, la Terra ha un asso nella manica, il Capitano David Raven, mutante con caratteristiche al di fuori della norma naturale dei mutanti...

Lo stile narrativo è estremamente accattivante, grazie alla prontezza di spirito del protagonista e al suo essere cinico, Frank Russell ci delizia con un'avventura non impegnata, ma ciò nonostante veramente degna di nota, in un vortice di cambi di prospettiva e colpi di scena quasi ad ogni capitolo, il tutto farcito da un sottile umorismo e dalle considerazioni psicologiche e morali di esseri umani ma non umani, la (quasi) naturale evoluzione dell' Homo Sapiens, la razza che ci sopravviverà, senza parlare poi dei problemi sociali che la convivenza tra umani e mutanti comporta...

David Raven compirà la sua solitaria missione; ma non solo quella, l'immenso e romantico universo di Eric Frank Russell nasconde ancora molto, e noi non siamo che dei piccoli esseri su dei granelli di polvere...
Eric Frank Russell per saperne di più
Shadow Man - The Life and Works of Eric Frank Russell
Eric Frank Russell: breve biografia
'And Then There Were None' by Eric Frank Russell

see you

RiCCiO