strict warning: Only variables should be passed by reference in /opt/hoster/vhosts/riccio.sebastian.it/httpdocs/modules/book.module on line 372.
warning: array_merge(): Argument #4 is not an array in /opt/hoster/vhosts/riccio.sebastian.it/httpdocs/modules/htmlarea.module on line 164.
Dungeon Siege | la tana del RiCCiO

Dungeon Siege

By MarkiO 30/04/2002
PREVIEW - Dungeon Siege

Scenario Ambientazione: Il gioco si evolve in un reame RPG in cui continue lotte tra razze hanno portato allo sfacelo del regno degli umani. Il giocatore si trova nei panni di un combattente che, dopo avere abbandonato le armi per dedicarsi alla ricostruzione, deve reimpegnarsi nel combattimento quando il malvagio di turno scatenza le forze del male per raggiungere il suo scopo.
'Foto di gruppo. La gestione del party è uno dei punti di forza del gioco, ed è fatta molto bene.'Punteggio: 7Ritmo: Il ritmo è medio alto. L'azione si basa sui combattimenti tra il party ed i mostri che, infervoriti dalla potente influenza del malvagio, sono usciti alla luce per prendere definitivamente possesso del pianeta.
Punteggio: 8Genere: RPG in terza persona con gestione avanzata del party
Punteggio: 8

Aspetti tecnici del gioco Visuale: La visuale è in terza persona con movimento indipendente. Esistono dei vincoli per cui non si può ad esempio mettere una visuale diretta in avanti oppure perfettamente in verticale sul personaggio.
Sistema di controllo: Point and click del piu semplice. Si può giocare senza usare alcun tasto.
Aspetto grafico: La grafica è sorprendente, si parte dalle mappe, accurate, dettagliate e con texture di alta qualità, per finire con i modelli e gli effetti grafici.
Aspetto sonoro: La colonna sonora è immersiva e di alta qualità e per chi dispone di una scheda sonora con accellerazione, ci sono una quantità di effetti d'ambiente come l'eco ed il ribervero che renderanno molto avvincenti diverse situazioni nei dungeon.
Motore del gioco: Il motore 3d compie il suo dovere molto accuratamente e garantisce diverse occasioni di stupore, soprattutto ai giocatori smaliziati che da molto aspettano certi aspetti che qui sono stati curati. Particelle, luce dinamica, transizione giorno/ notte, dungeon verticali in tempo reale. Un motore serio e prestazionale che dovrebbe essere d'esempio a molti programmatori di questi tempi. Le prestazioni richieste sono notevoli, ma il dettaglio è parecchio scalabile e con una scheda video d'ultima generazione potrebbe bastare anche un sistema a 500 mhz. E' stato provato con un AMD K6 III a 400 con 64MB e Geforce 2, e le prestazioni sono molto buone, a parte i caricamenti ogni tanto.

Fattori Bilanciamento: Il bilanciamento del gioco è stato studiato precisamente e, sebbene in alcuni punti si veda un certo 'sensazionalismo' da parte dei &mappers&, l'avventura scorre senza grosse difficoltà. Un grande pregio risiede nel fatto di poter scegliere un'avventura solitaria, oppure in compagnia di avventurieri al soldo, che possono essere 'arruolati' fino ad un massimo di sette. Un gioco molto longevo che, a parte qualche bug che puo costringere a caricare un vecchio salvataggio, è bello da scoprire e da finire.
'Una suggestiva immagine di un livello avanti nell\'avventura. Gli scenari come questo non sono una rarità.'-L'esperienza dei personaggi si basa sull'utilizzo che si fa delle abilità. Ad esempio, non potrete utilizzare la spada tutto il tempo e pretendere di 'assegnare i punti' alle abilità magica. Se non impiegate gli incantesimi per accoppare i mostri, semplicemente le abilità magiche non avanzano.

-La cura delle mappe e degli scenari in genere è maniacale. Fiori nei campi, strade che salgono e scendono, alberi e vegetazione altamente dettagliata con luci ed ombre.

-Il &pathfinding& è un po limitato e certi movimenti possono essere tediosi da fare, soprattutto se ci si deve spostare di lunghe distanze.

-Per spostarsi bisogna fare clic ogni volta sul terreno! Questo fatto è veramente un insulto che ridurrà la vita del vostro mouse molto velocemente ed anche se ci si abitua, è un'assurdità.

-In un paio di situazioni ho trovato la difficoltà dei nemici estremamente sregolata.

-Si può cambiare la difficoltà del gioco in qualsiasi momento, per facilitare od inasprire la sfida.

'Una scena accogliente di una delle città nel percorso dell\'avventura. La cura delle strutture è molto apprezzabile nel gioco.'-Un sistema di combattimento con opzioni d'azione configurabili permettono di indicare ai personaggi di 'agire' senza dover comandare ogni singola mossa. In questo modo si può indicare condizione d'attacco, condizione d'inseguimento, bersaglio preferenziale ed altro ancora.

-Essendo TUTTO in 3d di ottima qualità, ogni equipaggiamento è visibile. Avete un'armatura potente che non è molto trendy? Notate la differenza rispetto all'armatura di cuoio ornata! Osservate la fichezza della vostra arciera con l'elmo ornato e l'arco di ghiaccio!

-La quantità dei nemici, nonchè la qualità, è veramente alta. A parte il fatto che sono piazzati in modo plausibile, ad esempio insidiando un edificio, accampati, vicino ad un albero o dove potreste effettivamente immaginarvi che ci saranno... perchè ha senso, sono sempre in contesti appropriati. Bestie selvagge nella foresta, acquatici nelle paludi e negli stagni e così via.

'In azione contro esseri cristallini. I nemici che colpiscono da lontano sono il fastidio maggiore in quanto hanno gittate molto lunghe.'-Gli equipaggiamenti... ce n'è un numero veramente incredibile. Un numero assurdo di sprite differenti da inventario con suffissi, prefissi e modificatori come da buon GDR di questi tempi. Oggetti unici, rari, maledetti in varietà veramente sorprendente.

-La storia è importante ed epica. Forse un pò spinto il fatto che si riesca in quattro gatti a debellare il male, ma comunque esiste un racconto di fondo che chiarisce gli sviluppi in base al progresso nell'avventura.

-La telecamera è automatica e si posiziona da sola dove la visuale non è ostruita, tuttavia capita che questa funzione porti fuori vista un bersaglio, o costringa a manovrare perchè ruota dalla parte sbagliata.

-I salvataggi e caricamenti avvengono a velocità spasmodiche. Salvare spesso è quasi d'obbligo, ma solo perchè è comodo, è difficile perdere. Si perde solamente quando muoiono tutti i personaggi, esclusi i muli.

-Il numero degli incantesimi è sorprendente.

-Potete giocare sia con un solo tipo contro tutti sia con un'armata di alleati, il modo in cui si affronta il gioco cambia molto, ma la velocità di evoluzione di un solo personaggio compensa il lavoro di gruppo.

-Gli scenari sono veramente sorprendenti e le atmosfere curate con molta efficacia.

-Il nemicone finale è plausibile, e non una semidivinità che ci uccide mille volte, come in diablo II

-Esiste una modalità multiplayer cooperative sia in internet sia in LAN, con la possibilità di giocare sia la storia sia in squadre che competono, sia sulla mappa dell'avventura sia su mappe apposite

-Ci sono già gli editor per le personalizzazioni, e sono disponibili diversi mod per alterare alcuni aspetti della giocabilità.

'Una scena di superiorità del party. Il bilanciamento della difficoltà è molto regolato tranne in pochissimi punti.'-Hèh... i muli! Non esiste uno 'scrigno' come in diablo II, ma un loro sofisticato sostituto: l'asino! in realtà se ne possono avere addirittura 7 nel party, come fossero degli eroi.

Non esistono i 'set' ma lo scavenging è comunque molto figo da fare.

-Spesso i ronzini finiscono tra le palle od in mezzo alle bestie mai però deliberatamente, anzi, quando i nemici si avvicinano, loro scappano!

-Si può aumentare ed abbassare la velocità di gioco. Si abbassa quando le prestazioni calano oppure quando si vuole godere di una scena particolarmente pirotecnica, si alza per viaggiare distanze già coperte o per andare spediti in una zona facile.

-Quando i nostri restano senza punti ferita, svengono, non muoiono subito! Alcune creature si accaniscono contro i caduti e li cercano di liquidare (non è una cosa da un colpo solo) ma spesso si riesce ad evitare che ci siano vittime

-Engine 3d in tempo reale con effetti atmosferici, transizioni notte giorno, gravità, salvataggi e caricamenti ultraveloci.

-Le carogne dei mostri restano. Non so per quanto, ma non mi è capitato di ritornare in un posto e pensare... 'èh ma qui ci dovevano essere 20 mostri accoppati'.

- Sistema di controllo 'pacciugoso'. E' evidente il fatto che i personaggi SCATTANO quando gli si indica di muoversi. Le animazioni sono molto curate. Punteggio: 8- Non credo meriti di più soprattutto perchè, quando ho provato a rigiocarci per finirlo non ce l'ho fatta ad appassionarmi

Totali Esperienza di gioco: Esaltante, ma con una forte curva di decadimento. Credo soprattutto perchè i personaggi sono troppo 'lontani dal giocatore', nel senso che alla fine è come se fossero delle semplici armi con cui sconfiggere il nemico. In definitiva è un gran titolo perchè mescola molte novità e molti sforzi e garantisce sorpresa e divertimento. 'Una delle non numerose trappole di scripting da cui si riesce a cavarsela senza estrema fatica.' Stress: Due cose: i muli e lo spostamento dei personaggi. Difficilmente avrete altro che vi romperà le scatole, in quanto purtroppo anche con la prudenza e l'attenzione spesso ci s'incasina. Sono comunque problemini che si sorvolano. Acquisto: Un must. Diablo II fa schifo al confronto.

Informazioni Produttore: Microsoft... ed in certi punti mi sembra di vedere il loro zampino zozzo
Sito ufficiale: Dungeon Siege Official Homepage
Cheats: Immagino che ce ne sia ogni sorta disponibile. Anche in certe parti difficili comunque non c'è il bisogno d'usarli. La difficoltà peraltro può essere cambiata al volo, anche durante una partita.
Note: Se vi entusiasmate sufficientemente, finirlo è una soddisfazione ed un traguardo.