strict warning: Only variables should be passed by reference in /opt/hoster/vhosts/riccio.sebastian.it/httpdocs/modules/book.module on line 372.
warning: array_merge(): Argument #4 is not an array in /opt/hoster/vhosts/riccio.sebastian.it/httpdocs/modules/htmlarea.module on line 164.
Operation Flashpoint | la tana del RiCCiO

Operation Flashpoint

> By Markio 16/07/2001

Operation: flashpoint

Scenario

Il gioco è ambientato nel 1985, durante il periodo di guerra fredda tra Stati Uniti eRussia. L'azione si svolge in scenari che cambiano in base allo stato della campagna, checomincia con gli sforzi di mantenimento di alcuni avamposti USA in Francia.

Aspetti tecnici del gioco

Come preludio vi dico che quando ho visto il demo ho pensato "non è possibile che ilgioco funzioni veramente così!". Ogni cosa che riguarda la tecnologìa del gioco èbasata sulla realtà, quindi mezzi, armi e attrezzature sono riproduzione degli oggettireali. Il motore 3d è avanzato e sviluppato per gestire grandi quantità di poligoni, lemappe sono immense e realistiche e per finire le meccaniche di movimento e di balisticasono regolate da un motore con influenza gravitazionale.

Fattori

Le demo e le immagini producono un'aspettativa enorme che viene soddisfatta, moltostranamente di questi tempi, quasi al 100%. Per questo titolo è stato scelto il realismodi interazione come asse dell'azione e quindi vi sono una serie di effetti che riproduconola realtà, danno cuore alle missioni e danno profondità all'esperienza di gioco. E'soprattutto percepibile l'effetto campale delle battaglie che permette al giocatore diavere l'impressione di essere un numero nelle fila, e non il solito eroe invulnerabile esolitario.


1- Le meccaniche influenzano ogni fattore del gioco. Il peso grava sul soldato e dopoalcuni metri di corsa veloce lo inducono a respirare profondamente. Accade anche per inemici, e quindi se siete appostati potrete essere avvisati del loro arrivo dal lororespiro!

2- Le missioni sono spesso complicate, e può accadere che non si capisca cosa bisognafare e dove andare, o da dove arriveranno i nemici, con le quasi ovvie relativeconseguenze. Formidabilmente ho osservato che questo accade anche per i nemici, e lipotrete cogliere di sorpresa, avvicinare ad un metro senza che vi vedano, o quanto altropossa succedere al giocatore stesso.

3- Per quanto possa sembrare incredibile, ogni veicolo che troverete può essere pilotato.Non tutti possono pilotare tutto, solo le unità speciali hanno questa capacità manell'evolversi della campagna, prendendo i panni di differenti personaggi, si avrà lacapacità di prendere il comando di ogni mezzo, reso realistico in ogni cosa, dagliabitacoli ai sistemi, nei limiti d'interesse del gioco.

4- L'intelligenza artificiale alleata è molto difficile da comandare, e a parte gliordini base (seguitemi e fate quello che faccio io, fermatevi, non sparate e così via) èdifficile che i comandi vengano eseguiti come si desidera, soprattutto quando si è alcomando della fanteria. Questo comportamento si ripercuote soprattutto nelle missioni doveserve impegno multiruolo e si deve comandare una unità specifica.

5- Quando siricomincia una missione dopo averla persa, esistono grandi probabilità che ci sianocambiamenti nei comportamenti dei nemici, con le relative modifiche delle aspettative.Questo rende le missioni dinamiche, emozionanti e piuttosto imprevedibili, anche doponumerosi tentativi. Ho valutato che non mi frustra in alcun modo ripetere anche diecivolte una missione, perchè ogni sconfitta è logica, non ci sono riti voodoo con cui iprogrammatori hanno deciso che si può perdere. Solo pallottole ed esplosioni.

6- Le prestazioni richieste sono 'medio-alte'. Con la mia configurazione il gioco girasopra i venti frame al secondo in ogni situazione in 640*480, al massimo del dettaglio. Ildettaglio è tuttavia scalabile in maniera eccellente e sacrificando qualità si puo faregirare pure su piattaforme con prestazioni 'medio-basse'. Una nota eccellente: l'engine èsia d3d sia glide.

 

 

Totali

Questo gioco è un acquisto da fare per chiunque tenga a giocabilità di alto livello,cura per i dettagli ed una simulazione multicampo di calibro elevatissimo. Il gioco atutti gli effetti è un'avventura in prima persona, con una trama completa e scenari emissioni dei piu svariati. La difficoltà personalizzabile, i tocchi di classe (veicoliche cambiano marcia e fanno fumo nero dai tubi di scappamento, l'A10 tank killer che usa ifreni aerodinamici ad apertura sulle ali, gli effetti balistici dei proiettili, leesplosioni sulla distanza il cui suono arriva dopo alcuni secondi, danni localizzabili,particelle per esplosioni ed impatti, deformazioni dei mezzi, la lista è ancora moooltolunga...), la progettazione per le missioni e la generale impressione che i programmatorivogliono che uno si diverta mentre si impegna giocando; tutto questo fa di"Operation: flashpoint" il mio acquisto piu gradito di questi mesi.


Il livello di azione è alto e piuttosto crudo. Sconsiglierei il giocoai giovanissimi, anche se con quello che si vede in televisione...